Il Pensiero della settimana – Sei anni dopo

Il pensiero della settimana, n. 624 Sei anni dopo Ceija Stojka reduce da Auschwitz e da Bergen Belsen nel giugno 2012, l’anno prima della sua morte, nel corso di un’udienza concessa da Benedetto XVI a circa tremila rom e sinti di Europa, si presentò al papa con queste parole: «Ero bambina e dovevo vedere morire altri bambini, anziani, donne, uomini; … Continua a leggere

Immagine

Con Giacomo Poretti anche la Bibbia diventa ironica

Il comico dialoga con il teologo Stefani sul più grande racconto di tutti i tempi

di Silvia Malacarne

 

1.

“Buonasera, mi vedete? Difficile…” è la battuta con cui Giacomo Poretti (del celebre trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo) apre la presentazione del libro “Il grande racconto della Bibbia” di Piero Stefani. Prima di dialogare con l’autore, davanti al pubblico si esibisce al violino Lucilla Rose Mariotti nel balletto “La création du monde”, del compositore francese Darius Milhaud.
“Stasera posso dire tutte le stupidaggini che voglio?” domanda Giacomo con l’ironia che sempre lo contraddistingue. “Sei qui apposta” risponde lo scrittore, facendo emergere fin da subito la loro grande intesa.
“Se volevi uno più profondo dovevi chiamare Aldo” controbatte Giacomo, suscitando una fragorosa risata fra il pubblico che, evidentemente, conosce molto bene il celebre trio.
Piero Stefani, teologo ed esegeta ferrarese, insegna Bibbia e cultura nella Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano ed è presidente del Segretariato Attività Ecumeniche (Sae). Venerdì 1 dicembre, presso la libreria Ibs – Libraccio di Ferrara, ha presentato il suo ultimo lavoro: “Il grande racconto della Bibbia”, un libro di dieci capitoli che parla di un altro libro, la Bibbia, il testo sacro per ebrei e cristiani.

2,
Quando Giacomo Poretti ha chiesto allo scrittore, “chi è il vero autore della Bibbia?”, Piero ha risposto prendendo in mano il suo libro e descrivendone la copertina: “Vedete una colomba con un’aureola, lo sfondo è nero e alla base vi sono delle linee che ricordano l’acqua. Nelle prime linee della Genesi si legge “un vento fortissimo aleggiava sulle acque”: è l’immagine del caos o dello Spirito. Sei soddisfatto di questa risposta Giacomo?”. “No. Non credere di cavartela così facilmente” risponde il comico sollevando il riso del pubblico che, nella giornata di venerdì, riempiva l’intero piano superiore della libreria.
“I fondamentalisti dicono che c’è un’ispirazione letterale nella Bibbia; secondo questa visione, qualunque suo passo va considerato come santo. Ci sono vari autori, dentro ai quali vi è una sorta di presenza divina. La Bibbia è “parola di Dio” nel modo in cui è proclamata e predicata. E’ una comunità che la accoglie come tale, a renderla “parola di Dio”.
Continua così il dialogo fra il comico e lo scrittore in un botta e risposta coinvolgente, a tratti ilare, ma più spesso profondo e riflessivo.
“Leggendo il libro di Piero – afferma Giacomo – si rimane affascinati dai temi di cui si occupa. Il tuo libro per me è una sorta di “aiuto necessario”, come un maestro che ti prende per mano e ti guida, facendoti sentire più sicuro – rivela Poretti all’amico – “Vi è un capitolo in particolare a cui sei più legato?”. “Preferisco i capitoli più nuovi, quelli su cui avevo meno materiale, su cui non avevo scritto ancora niente, perché mi hanno spronato a lavorare di più, a pormi nuove domande. E’ così che secondo me progredisce il mondo: facendosi continuamente nuove domande”.
Prima di concludere l’incontro, autografare le copie di “Il grande racconto della Bibbia” e scattare fotografie con i fan, Poretti ha voluto porre un’ultima domanda allo scrittore: “Perché la gente dovrebbe leggere il tuo libro?”. “Perché Giacomo ne parla bene!”. “E’ vero – sorride l’amico – lo trovo straordinario”.

623 – Lo riconobbero allo spezzar del pane (16.07.2017)

Il pensiero della settimana m. 623 Lo riconobbero allo spezzar del pane Plötzenseer Totentanz è una serie dodici pannelli del pittore e scultore austriaco Alfred Hrdlicka eseguiti tra il 1968 e il 1972. Si trovano nella Gedenkkirche dell’Evangelischen Gemeindezentrum Plötzensee di Berlino. Il Centro sorge nei pressi del luogo in cui era situata una prigione nella quale, durante il regime nazista, vennero … Continua a leggere

622 – Luoghi (09.07.2017)

Il pensiero della settimana, n. 622  Luoghi    All’imbocco della grotte vaticane c’è un cartello in italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco. Vi si legge: «luogo sacro, silenzio». C’è anche una pittografia con due macchine fotografiche sbarrate da due linee. Cosa se ne deduce? Che a livello superiore l’immensa basilica è implicitamente considerata un luogo profano. In effetti la folla che … Continua a leggere

621. Il teatro delle religioni (02.07.2017)

Pensiero  n. 621 Il teatro delle religioni Cosa avviene quando ai rappresentanti delle religioni negli incontri è chiesto loro di rappresentare le comunità di appartenenza? Ognuno parla in quanto cattolico, ortodosso, protestante, ebreo, musulmano, buddhista e via discorrendo. Le tavole rotonde in questi casi si trasformano, per logica interna, in palcoscenici in cui i relatori non sono fino in fondo … Continua a leggere

620 – Il Magnificat di Lutero (25.06.2017)

Il pensiero della settimana n. 620 Il  Magnificat di Lutero  Nel particolare si riflette il tutto. Sentenza antica e sempre vera.  È così anche per  chi scrive, nelle sue frasi, o meglio in alcune di esse, si concentra in poche parole la sua visione che altrove si dispiega per molte decine o forse centinaia di pagine. Ciò avviene per il … Continua a leggere

619 – Giobbe, una biografia (18.06.2017)

Il pensiero della settimana n. 619 Giobbe, una biografia  Presso la Princeton University Press da qualche anno sta uscendo la collana «Lives of Great Religious Books». Si tratta di un approccio originale che affronta «biograficamente» la vita di alcuni grandi testi religiosi di varia provenienza culturale, geografica e storica a partire dalla loro nascita per giungere fino al giorno d’ … Continua a leggere

618 – Santuari e religiosità popolare (11.06.2017)

Il pensiero della settimana, n. 618 Santuari e religiosità popolare      Un esempio tra i tanti. Edmondo Lupieri descrive in un suo libro  (Giovanni e Gesù. Storia di un antagonismo, Carocci, Roma 2013) una serie di operazioni legate a una religiosità popolare ricca di componenti sincretiche. Nello specifico essa si è sviluppata  presso la tribù indio dei Chamula, popolazione che … Continua a leggere

615 – Alla ricerca dello storpio della porta Bella (21.05.2017)

Il pensiero della settimana  615 Alla ricerca dello storpio della porta Bella       Negli  Atti degli apostoli si parla di Pietro e Giovanni che nell’ora nona (quella in cui, non molto tempo prima, Gesù morì sulla croce) salivano al tempio di Gerusalemme per la preghiera. Là ogni giorno, presso la porta della Bella, veniva portato uno storpio per chiedere l’elemosina. … Continua a leggere

614 – Lei ed egli (14.05.2017)

Il pensiero della settimana, n. 614 Lei ed egli [i]     Usare il “Lei” significa non privare il linguaggio del senso del pudore. Così avviene quando questo modo di esprimersi (peraltro non presente in tutte lingue) è fedele a se stesso. Mario Rigoni Stern ripensò più volte a un episodio da lui raccontato nel Sergente nella neve. Era in fuga, … Continua a leggere