Pensiero 656 – Il gelo balcanico (Comunicato del Segretariato Attività Ecumeniche (SAE)

Nella Charta Oecumenica, documento firmato a Strasburgo il 22 aprile 2001, le Chiese europee hanno scritto: «Vogliamo contribuire insieme affinché venga concessa un’accoglienza umana e dignitosa a donne e uomini migranti, ai profughi ed a chi cerca asilo in Europa». Sono trascorsi vent’anni. In queste settimane nei Balcani constatiamo come questa volontà sia frustrata. Molti, giustamente, denunciano quella che Johann Sattler, ambasciatore Ue e rappresentante speciale in Bosnia ed Erzegovina, ha definito come una “crisi umanitaria artificiale”. La situazione è ormai nota; essa però non muta. Migliaia di persone continuano a vivere in condizioni disumane.

Da pochi giorni abbiamo celebrato il “Giorno della memoria”, quello della Shoah e quello dell’attuale drammatica situazione dei migranti nell’area balcanica sono fenomeni storici diversi e imparagonabili. Vi è però un’analogia. Una domanda che noi poniamo a coloro che vivevano nella prima metà degli anni quaranta, in futuro sarà posta probabilmente anche a noi: voi cosa facevate? L’impasto tra indifferenza e senso di impotenza che contraddistingue l’animo di molti fu di allora ed è di ora, con l’aggravante che noi, adesso, conosciamo esattamente quanto sta succedendo.

Il SAE ringrazia chi nelle Chiese cristiane di qualunque confessione siano, si sta prendendo a cuore, tanto attraverso l’aiuto quanto per mezzo di una responsabile denuncia, la drammatica situazione migratoria. «Vogliamo contribuire insieme». I «corridoi umanitari» sono un esempio concreto di questa collaborazione che va allargata e potenziata.

In riferimento alla cultura europea, un titolo di un saggio famoso affermava: «Perché non possiamo non dirci cristiani»; in un’Europa che continua a erigere muri senza trovare chi accompagna la denuncia con la pratica dell’aiuto, il titolo andrebbe riscritto così: «Perché non possiamo più dirci cristiani».

30 gennaio 2021

 

Avvisi

Biblia
e
I libri della Bibbia

collana  dell’editore Piemme
a cura di Arnoldo Mosca MondadoriTutti coloro che sono interessati a ricevere il link per il collegamento  gratuito possono richiederlo scrivendo a info@biblia.org

 

Nel Giorno della Memoria il Meis ha pubblicato Il canto di Primo testo di Piero Stefani, voci di Magda Iazzetta e Fabio Mangolini, intervento musicale della violinista Lucilla Mariotti, https://www.youtube.com/watch?v=m00RBQXTqh8 (visibile anche sul sito del Meis).

Pensiero 656 – Il gelo balcanico (Comunicato del Segretariato Attività Ecumeniche (SAE)ultima modifica: 2021-02-01T11:32:07+01:00da piero-stefani
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *