XXIV Domenica del tempo ordinario – Maschile e femminile

Domenica XXIV del tempo ordinario
Es 32,7-11.13-14; Sal 51 (50); 1Tm 1,12-17; Lc 15,1-32\12

Maschile e femminile

Le tre parabole presenti nel Vangelo di questa domenica, «la pecorella smarrita» (Lc 15, 4-9), «la moneta perduta» (Lc 15,8-10); «il padre misericordioso e i due fratelli» (Lc 15,11-32) si collegano all’incipit nel quindicesimo capitolo di Luca: «Si avvicinarono a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: “Costui accoglie i peccatori e mangia con loro”» (Lc 15, 1-2); ognuna però lo fa per una sua strada. Il messaggio è affine ma non identico. Tutte simboleggiano la misericordia di Dio, la quale, a seconda delle circostanze, percorre vie in parte diverse. Un raccordo tra le tre parabole è costituito dal verbo «perdere» (apollymi-apollyō): il pastore perde la pecora, la donna la moneta, il padre dichiara per due volte la propria gioia per il ritorno del figlio perduto (Lc 15,24.32). L’insieme di questi tre ambiti tende a indicare, nell’alternarsi dell’uso attivo e di quello medio del verbo, tre diversi atteggiamenti assunti nei confronti dello smarrimento: il pastore perde la pecora e nel contempo la pecora si perde; la donna perde la moneta senza che quest’ultima sia nelle condizioni di agire in alcun modo; il figlio si perde senza che ciò sia direttamente imputabile al padre.
Le prime due parabole sottolineano soprattutto la ricerca di quanto si era perduto. Proprio questa insistenza ha fatto sì che, da sempre, la figura del pastore sia stata letta in chiave cristologica. La conclusione della parabola presente in Matteo lo indica già apertamente: «così è volontà del Padre vostro che è nei cieli che neanche uno di questi piccoli si perda» (Mt 18,14) e se qualcuno, in precedenza, si era smarrito allora occorre andarlo a ricercare. Gesù dichiara di essere stato mandato alle pecore perdute della casa d’Israele (Mt 15,24), lo stesso compito è da lui affidato ai Dodici (Mt 10,6). Fa parte della più antica iconografia cristiana simboleggiare Gesù attraverso la figura di un pastore con una pecora in spalla (Lc 15, 5). Conviene notare che la pecora si era perduta con le proprie gambe mentre ritorna al gregge sorretta dal pastore. La simbologia è inequivocabile: ci si smarrisce da soli, si ritorna solo se aiutati (a dircelo è anche l’inizio della Divina Commedia).
La conclusione della prima parabola è festosa («Rallegratevi con me» Lc 15,6), lo stesso avviene al termine della seconda («Rallegratevi con me» Lc 15,9); la simbologia profonda legata a questo duplice invito è svelata dallo stesso Vangelo: vi è gioia in cielo davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte (Lc 15, 10). Entrambe le parabole comunicano un identico messaggio, tuttavia la seconda, a differenza della prima, non ha mai dato luogo a rappresentazioni cristologiche. Le ragioni sono molteplici; tra esse vi è senz’altro la rilevanza assegnata dalla Bibbia alla figura del pastore (cf. Sal 23,1; Ez 34,1; Gv 10,1-16). Tuttavia viene il sospetto che si sia avvertito anche un certo disagio nel constatare il contesto tutto femminile della parabola: la donna perde la moneta, la cerca e la trova e con lei si rallegrano amiche e vicine. Questa immagine sembra voler comunicare il fatto che la ricerca del peccatore perduto svela una componente femminile di Dio. Ci chiediamo: il fatto di avere in gran parte trascurato questo aspetto, non è forse stato per la tradizione cristiana anch’esso motivo di smarrimento?
Il contesto della terza parabola è dal canto suo tutto maschile. In ciò si trova, probabilmente, uno dei motivi del perché la sua conclusione approda a una festa più contrastata che corale. In realtà la ragione più profonda di questo esito è un’altra. Gli amici e i vicini (Lc 15,6), le amiche e le vicine (Lc 15,9) si rallegrano perché il ritrovamento rispettivamente della pecora e della moneta è per loro un motivo di gioia condivisa; nessuno tra loro vive la festa come una forma di ingiustizia nei propri confronti; in queste circostanze è facile condividere l’allegrezza altrui. Il fratello maggiore invece vede nella festa organizzata per suo fratello una forma di ingiustizia commessa nei propri riguardi (Lc 15,28-29). Con la comparsa del «terzo» sorge il problema della giustizia. Al contesto maschile della terza parabola si prospetta perciò il problema (ignoto alle prime due) di coniugare assieme misericordia e giustizia (cfr. Sal 84,11). Il discorso resta aperto: non si sa se e come il fratello maggiore abbia risposto alle argomentazioni paterne, allo stesso modo ci è ignoto come farisei e scribi abbiano reagito alle tre parabole. Quanto davvero conta è però sapere come rispondiamo noi.

XXIV Domenica del tempo ordinario – Maschile e femminileultima modifica: 2019-09-13T21:16:07+02:00da piero-stefani
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *